Cerca nel blog

giovedì 10 dicembre 2009

MILANO - In metro da Sesto Fs a Monza-Bettola


FIRMATO L'ACCORDO DI PROGRAMMA IN REGIONE. POI IL PROLUNGAMENTO AL «RONDÒ DEI PINI»

Cantieri al via entro un anno: 1,8 chilometri di linea interrata e due fermate tra Cinisello e Monza

MILANO - Dalla metà del 2014 sarà possibile raggiungere Monza con la linea rossa della metropolitana. E' quella la data prevista per il completamento dei lavori del prolungamento della M1, da Sesto Fs a Monza Bettola: quasi due chilometri di binari e due fermate, Sesto Restellone e Cinisello Bettola, a poche centinaia di metri dal confine con il Comune di Sesto San Giovanni. La data di fine lavori è scritta nell'accordo di programma firmato mercoledì in Regione Lombardia con tutti gli enti coinvolti, tra cui Comune e Provincia di Milano. Presenti anche i rappresentanti dei Comuni dell'hinterland milanese attraversati dal nuovo tratto di metro, 1,8 chilometri di linea completamente interrata a cavallo tra Cinisello e Monza, i cui lavori partiranno entro la fine del 2010.
L'opera avrà un costo complessivo di 205,94 milioni di euro. «La metropolitana - ha sottolineato il presidente della Regione, Roberto Formigoni - si allarga ulteriormente verso l'hinterland. È un investimento enorme perchè richiede 120 milioni di euro per l'infrastruttura e 86 per comprare nuovi treni, che entreranno in funzione entro il 2014, a completare l'offerta per i pendolari e chi deve spostarsi verso Milano proveniendo da tutte le direzioni», in tempo per l'appuntamento con l'Expo del 2015. Lo Stato finanzierà la realizzazione con 54 milioni di euro previsti dalla Legge obiettivo e altri 72,59 stanziati secondo il Protocollo firmato nel 2007 dall'allora ministro Di Pietro. Il resto dei finanziamenti sarà sulle spalle della Regione, della Provincia e dei Comuni di Milano, Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo e Monza.
MENO TRAFFICO - Secondo le stime Atm, l'azienda che gestisce i trasporti milanesi, saranno tra i 12 e 14 mila i viaggiatori che ogni giorno usufruiranno del nuovo servizio per raggiungere il capoluogo lombardo. A Bettola dovrebbe inoltre sorgere un parcheggio di interscambio da 2.000 posti auto per accogliere tutti i pendolari che arrivano dalla Brianza. «Proseguiamo nel nostro investimento - ha precisato il sindaco di Milano, Letizia Moratti - che ha già visto l'allungamento della metro fino a Rho, poi ad Assago e ora a Monza». Moratti ha spiegato che il prolungamento «alleggerirà il traffico dei veicoli privati, faciliterà l'ingresso dei pendolari in città e contribuirà a ridurre in maniera significativa l'inquinamento». Il cronoprogramma degli interventi avrà, secondo quanto ha spiegato l'assessore regionale alle Infrastrutture, Raffaele Cattaneo, «tempi certi e rigidi. Entro la fine del 2009 si partirà con le procedure di gara per l'acquisto del nuovo materiale rotabile, quindi nel febbraio 2010 si procederà alla pubblicazione del bando per l'assegnazione dell'opera e, nel settembre 2010, alla consegna dei lavori all'azienda che si aggiudicherà la costruzione dell'infrastruttura. «Entro un anno da oggi - ha garantito Cattaneo - partiranno i cantieri».

ULTERIORE PROLUNGAMENTO - Soddisfatto il titolare dei trasporti in provincia di Milano, Giovanni De Nicola: «Per noi è un impegno molto oneroso, ma da subito abbiamo creduto in questo progetto perchè siamo consapevoli nella necessità di avvicinare i Comuni della grande Milano con una mobilità più facile». Soddisfatti anche i rappresentanti dei Comuni che accoglieranno l'opera sul proprio territorio: «È un giorno molto importante - ha detto il sindaco di Sesto San Giovanni, Giovanni Oldrini - perchè l'abbiamo atteso per una decina d'anni». Il sindaco di Cinisello Balsamo, Daniela Gasperini ha auspicato l'avvio di un tavolo tecnico con Regione e Provincia per «valutare insieme quale sia la soluzione migliore» per il nodo di interscambio ferro-gomma da realizzare a Monza Bettola, contestualmente alla costruzione del nuovo tratto di metropolitana. Il sindaco di Monza, Marco Mariani, ha anche lanciato un appello perchè da Monza Bettola si realizzi un ulteriore prolungamento della metropolitana, almeno fino al cosiddetto Rondò dei Pini dove sta sorgendo un nuovo polo d'uffici. «Se Bettola restasse capolinea - ha precisato - per Monza di vantaggi non ce ne sarebbero». Appello raccolto dal presidente della Regione, Roberto Formigoni che ha voluto precisare come «ci sia già nell'accordo sottoscritto oggi l'impegno di prolungare la linea fino al Rondò dei Pini».

Dal Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget