Cerca nel blog

martedì 17 novembre 2009

ROMA - il museo della moda sarà «per tutti» e forse anche un polo universitario


Valentino a Roma con l'anteprima del film vede negato da Alemanno il «suo» museo
Dal Campidoglio: il museo della moda sarà «per tutti» e forse anche un polo universitario


Valentino Garavani presenta il film "Valentino. The last emperor" e si candida all'Oscar di Los Angeles. Ma mentre nella capitale si svolgono le presentazioni con l'anteprima al Cinema Embassy e le rose rosse nelle sale Vip Alitalia, lo stilista vede negato il progetto per il museo. «Era un progetto che avevamo portato avanti con l'allora sindaco di Roma Walter Veltroni. Poi con Alemanno c'è stato un intoppo: il comune di Roma voleva fare un museo dedicato a tutti gli stilisti. E noi a quel punto ci siamo chiamati fuori» ha detto Giancarlo Giammetti, socio di Valentino e suo compagno di lavoro e di vita da oltre 50 anni.
A PARIGI - Giancarlo Giammetti, socio storico e protagonista insieme a Valentino nel film che racconta la vita privata e professionale del grande stilista, precisa: ««Non voglio fare polemiche dico solo che quel progetto è saltato e non ce n'è un altro in Italia. Per questo abbiamo deciso di aprire un nostro piccolo museo nella casa di Valentino a Parigi». Il "piccolo" museo che sarà inaugurato a fine anno si sviluppa su una superficie di circa mille metri quadri.

NON SOLO PER VALENTINO MA «DI TUTTI» - «Nel 2007 il sindaco Veltroni aveva annunciato che era stata assegnata al Museo di Valentino la sede dell' ex Mercato del Pesce» aveva detto A febbraio 2009 Daniela Giardina, la portavoce storica di Valentino. «Un impegno preso durante i festeggiamenti a Roma dei 45 anni di attività di Valentino». Ma a fine ottobre Valentino «prende atto» della decisione del Comune di non destinare gli spazi dell' ex Mercato del Pesce di via San Teodoro al «suo» museo. Il presidente della commissione Turismo e Moda del Comune, Alessandro Vannini Scatoli, il 31 gennaio, giornata di apertura delle sfilate di AltaRoma aveva annunciato che lo spazio ipotizzato dalla giunta Veltroni era enorme per ospitare solo il museo di Valentino: circa 5 mila metri quadrati e dunque «più adatto - aveva detto - ad accogliere un centro universitario della moda». E così dal Campidoglio è accolta la proposta ma per uno spazio che «sarà di tutti»: un museo della moda e forse anche per un polo universitario al quale possano fare riferimento le scuole e le accademie presenti sul territorio. «La proposta già fatta dall' assessore alla Cultura Croppi - aveva detto Vannini - s'inserisce in una serie di interventi che il Comune vuole realizzare per trasformare Roma nella capitale della moda».

Dal Corsera Foto Flickr

1 commento:

PEJA ha detto...

Questo alemanno si impiccia un po troppo degli affari architettonici capitolini, per quanto questa volta sono d'accordo, essendo l'idea di Valentino del tutto superflua. Ma c'è da dire che sarebbe stata una occasione architettonica e progettaule nuova da avere al centro...

Si è verificato un errore nel gadget