Cerca nel blog

lunedì 5 ottobre 2009

BARI - La Grande sera del Petruzzelli


«Inno alla gioia» e fruscio di sipario
Prima «a due rate» per il Petruzzelli
Il 4 ottobre serata istituzionale con i rappresentanti
del governo, il 5 il teatro si apre ai cittadini

«Inno alla gioia» a Bari. Sabato 4 ottobre riapre il teatro Petruzzelli. Un evento che restituisce il gioiello architettonico dopo ne 18 anni dall'incendio che lo aveva devastato. Il teatro riparte simbolicamente dall'Inno alla Gioia di Friedrich von Schiller al quale si ispirò Bethooven per la composizione dell Nona, forse la più nota della composizioni di musica classica. Ma la prima è «a due rate» per così dire. Il 5 nuova apertura, questa volta per i cittadini.

DUE CONCERTI - Due concerti identici, il primo «istituzionale solo per le autorità come ha chiesto il governo, e il secondo, il giorno dopo, per le maestranze che hanno materialmente ricostruito il teatro e per 1.200 i cittadini sorteggiati». Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, che è anche presidente della Fondazione Petruzzelli, con una punta di amarezza ha precisato alcuni dettagli sulla doppia riapertura del Teatro barese annunciata oggi a sorpresa dal presidente della Provincia di Bari per il 4 e il 5 ottobre prossimi.

«HO ACCETTATO LE RICHIESTE DEL GOVERNO» - Il sindaco ha ribadito che avrebbe preferito che i primi ospiti del teatro fossero le maestranze che hanno ricostruito il teatro e i 1.200 cittadini sorteggiati. Ha dovuto però, spiega, accettare le richieste del governo di dedicare la prima ai rappresentanti istituzionali. «Questa cosa - ha rilevato - lascerà un pochino di amaro in bocca ai sorteggiati, me ne scuso, ma credo che chiunque si fosse impuntato su qualsiasi elemento della vicenda, avrebbe rischiato di svolgere un ruolo non coerente con la delicatezza, l’importanza e la gioia del momento». «Si riparte - ha sottolineato - all’insegna della pazienza, della voglia della Fondazione e della città di Bari di consentire la riapertura anche a costo di rinunciare a qualche cosa».

Dal Corriere del Mezzogiorno

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget