Cerca nel blog

martedì 9 febbraio 2010

ROMA - SANZIONI CONTRO CHI SPORCA





Al via l'ordinanza su decoro e pulizie Multe anti-writers da 500 euro Alemanno, contro chi imbratta i muri: «Ho chiamato il comandante dei vigili per avere una mobilitazione»

Entra in vigore il provvedimento antiwriters: dall'8 febbraio una multa di 500 euro per chi scrive sui muri di monumenti o edifici di pregio. Chi invece si diletta a decorare palazzi, mezzi di trasporto o segnali stradali è soggetto a 300 euro di multa. Alemanno raccomanda anche un rafforzamento dei controlli dei vigili per dare applicazione concreta all’ordinanza antiwriters.
MOBILITAZIONE DI AMA, COMUNE E CITTADINI - Il sindaco di Roma ha detto: «Ieri sera ho chiamato il comandante dei vigili, esortandolo ad una ampia mobilitazione perché queste norme non rimangano sulla carta ma diventino una realtà concreta per i cittadini. Comincia la campagna di informazione per attirare l’attenzione dei cittadini su queste nuove norme. Roma sarà più pulita grazie al maggior impegno dell’Ama, del Comune, ma anche del cittadini». «Qualcuno - ha proseguito il sindaco - ha detto che queste multe sono troppo soft. Sono multe nella media europea e credo che siano la strada giusta per cominciare».

LE MULTE - Le nuove ordinanze prevedono multe anche fino a 500 euro per chi sporca le strade, per chi imbratta i muri e per chi lascia i volantini sui tergicristalli delle macchine. Chi non ripone i rifiuti nei luoghi preposti verrà sanzionato da un minimo di 50 euro per le cartacce a un massimo di 500 per oggetti pericolosi come le batterie o gli olii esausti o per aver gettato della vernice a terra. Chi ha un cane dovrà stare più attento a non dimenticare di raccoglierne gli escrementi, pena 250 euro di multa. Il pacchetto di ordinanze comprende anche altri due divieti e cioè quello di imbrattare i muri e quello di distribuzione selvaggia di volantini.

LA PRIMA GIORNATA - Sono 189 le sanzioni elevate dalla Polizia Municipale a Roma nel corso della prima giornata di vigenza delle nuove Ordinanze sul decoro urbano emanate dal sindaco Alemanno lo scorso 3 febbraio. Nello specifico, le sanzioni elevate sono state: 24 per l'abbandono di rifiuti non ingombranti; 14 per le deiezioni canine; 120 ai committenti e 31 ai distributori di volantini. «In un quadro di interventi progressivi, la prima giornata di vigenza delle Ordinanze a difesa della pulizia e decoro della Città si chiude con un bilancio significativo», ha commentato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Bisogna insistere su questa strada - prosegue - per modificare radicalmente i comportamenti nella città, tutelando le aspettative della stragrande maggioranza dei cittadini che hanno il diritto di non subire i danni provocati da una minoranza di maleducati»

Redazione Online

Dal Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget