Cerca nel blog

lunedì 8 marzo 2010

MILANO - Via libera agli alberi in piazza Duomo



SI PARTIRÀ NEL 2011: COINVOLTE ANCHE CORDUSIO E VIA DANTE


Milano dice sì a Piano: «Via libera agli alberi in piazza Duomo» Tra un anno dalla Cattedrale si potrà vedere un boschetto di 36 carpini. «Mantenuta la promessa a Abbado»

MILANO - Un’oasi verde in piazza Duomo. Con i primi alberi piantati nella primavera 2011 come primo assaggio di un progetto che, una volta ultimato, avrebbe un impatto ambientale paragonabile a 4-5 mila auto in meno. La fumata bianca a Palazzo Marino è arrivata dopo un incontro durato oltre due ore, durante il quale non sono mancati i momenti di tensione tra il sindaco e Renzo Piano. L’architetto e il professor Guido Rossi sono riusciti infine a convincere Letizia Moratti a integrare con una sezione sul centro il progetto, in parte già finanziato, per le 90 mila nuove piante richieste dal maestro Claudio Abbado per il suo ritorno alla Scala. «Il piano è questo: ditemi se vi interessa oppure no» avrebbe detto a un certo punto Piano. Ma il progetto del verde adottato dal Comune, che potrà essere realizzato grazie al contributo di sponsor, non si ferma — almeno nelle ambizioni degli architetti— al boschetto di carpini davanti alla Cattedrale. Si prevede la piantumazione di 212 frassini alti venti metri (per non ostruire la visuale dei negozi) lungo l’asse che collega piazza Duomo al Castello. Sono inoltre stati realizzati studi su 12 luoghi, tra cui corso Genova, De Amicis, Fiori Chiari, Forlanini, Bligny, per altri 3.182 alberi. In Comune, però, non nascondono le difficoltà tecniche. «Prima di procedere si faranno dei saggi» puntualizza l’assessore ai Lavori pubblici, Bruno Simini. «Spesso le mappe dei sottoservizi non corrispondono a quello che si trova scavando».
L’obiettivo è realizzare l’intero piano del verde entro il 2015. «Questo non è un sogno romantico— ha assicurato Renzo Piano al termine della riunione — ma un progetto che ha a che vedere con una visione sostenibile della città e credo che rappresenti una delle iniziative più interessanti per il 2015». «Non è un sogno romantico» Piano lo ripete più volte. Anzi è un «lavoro scientifico», frutto dell’opera di un team di esperti tra cui l’architetto Alessandro Traldi firmatario del progetto, che si sostiene anche con la forza dei numeri. Perché la realizzazione del nuovo piano garantisce un beneficio ambientale paragonabile a «4-5 mila auto in meno».

Il sindaco non risparmia una frecciata. «Se Piano mi avesse proposto due anni fa di piantare 200 alberi in centro — puntualizza — avrei preferito piantarne 2.000 in periferia. Adesso è diverso: il nostro progetto per le periferie è partito e si può pensare anche al centro». L’assessore al Verde e all’Arredo, Maurizio Cadeo, immagina di partire con l’intervento proprio da piazza Duomo. Dove verrà realizzato un basamento a scalini di 130 centimetri, dove oggi c’è l’aiuola. Lì verranno piantati 36 carpini, che saranno poi recintati per protezione. Non un bosco, bensì un «volume verde». «Ma il progetto va visto nel suo insieme— ricorda Cadeo— Abbado sarà contento, perché la promessa dei 90 mila alberi è mantenuta». Avverte Marco Cormio, del Pd: «Il piano del centro dovrà essere tutto pagato da sponsor, e il Comune garantisca la manutenzione».

Rossella Verga

Corriere della Sera

1 commento:

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Si è verificato un errore nel gadget