Cerca nel blog

giovedì 18 novembre 2010

MILANO - Cinque street artist internazionali invitati a decorare le botole in ghisa di Metroweb in via Montenapoleone




Tombini d'artista: in mostra
la città che c'è «sotto»


Dal 18 novembre fino a dicembre 2011, via Montenapoleone ospiterà una mostra open air di tombini d’artista. I venti manufatti in ghisa (quelli della rete in fibra ottica Metroweb posti sui marciapiedi ai lati della strada) che per un anno rimarranno esposti lungo la via, sono opera di cinque urban painter provenienti dalle capitali della street art: Milano, Berlino, Parigi, Londra e New York. L’iniziativa si chiama «Sopra il Sotto - Tombini Art raccontano la Città Cablata» e nasce da un’idea di Monica Nascimbeni sviluppata per Metroweb, l’azienda titolare della più grande rete metropolitana di fibre ottiche d’Europa. «È un progetto importante - ha detto l’assessore all’Arredo, Decoro urbano e Verde Maurizio Cadeo - che coniuga l’estetica e il decoro cittadino all’arte grazie a street artist internazionali che decoreranno i tombini in ghisa presenti in una via simbolo di Milano».


Dopo il successo ottenuto in zona Tortona con la prima edizione di «Tombini art», la manifestazione si presenta ora con alcune novità: dalle capitali mondiali della public art e del graffitismo sono stati invitati cinque artisti cui è stato chiesto di realizzare un’opera multipla su più tombini, quasi una personale ciascuno. La direzione artistica è affidata a Gisella Borioli e a Matteo Donini, curatore e collezionista di street art. «Il rapporto tra città e arte si misura sulla possibilità di coinvolgere i cittadini, di trasformali in spettatori incuriositi e creativi - ha spiegato l’assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory -. Con questo progetto rinnoviamo l’incontro tra tradizione artistica e tecnologia. Convinti ora come sempre che saranno i giovani a guidare le nostre idee». Gli artisti che esporranno i loro lavori in via Montenapoleone sono Shepard Fairey (New York), Flying Fortress (Berlino), Rendo (Milano), The London Police (Londra), Space Invader (Parigi).

I tombini d’artista, tutti pezzi unici e originali, sono cesellati a rilievo e dipinti, con l’assistenza tecnica della storica azienda milanese Ferb. L’iniziativa è stata realizzata anche grazie alla collaborazione dell’Associazione di via Montenapoleone. «Via Montenapoleone è da sempre vetrina di eccellenze - ha dichiarato Guglielmo Miani, presidente dell’associazione di via -. Grazie a questa iniziativa, il "Salotto di Milano" ospiterà una mostra d’arte contemporanea di tombini art, oggetti che rimangono in ombra nella vita quotidiana e che si trasformano in protagonisti grazie alla creatività di artisti internazionali». Giovedì 18 novembre, giorno dell’inaugurazione della mostra, i negozi aderenti all’Associazione MonteNapoleone rimarranno aperti fino alle ore 21.

Dal Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget