Cerca nel blog

mercoledì 20 ottobre 2010

TORINO - Il sindaco alla Lega: "Più isole pedonali ma la Ztl non si tocca"


Il centrodestra non crede
al crollo del Pm 10:
«Sono dati inattendibili»

EMANUELA MINUCCI
TORINO


«Così com’è la Ztl non si tocca: sta dando buoni risultati anche in termini di inquinamento non ci sarebbe motivo di cambiare. Piuttosto continueremo a pedonalizzare il centro ovunque ci siano le condizioni: piazza Maria Teresa per esempio, mi pare un luogo godibile, in cui l’assenza di auto potrebbe giovare molto allo shopping e a chi vuole godersi il giardino».

Eccolo il Chiamparino-pensiero al capitolo «traffico in centro». Lo ha esposto ieri ai cronisti al termine della giunta commentando i titoli dei giornali sulla Lega che gli proponeva il baratto fra «un minicentro pedonalizzato e l’attuale, dannosissima Ztl». Il primo cittadino non ha neppure preso in considerazione l’idea dello scambio: «Anche perchè pedonalizzare strade come via Roma che ha già i portici non avrebbe senso» ha commentato. Per poi aggiungere: «Fra l’altro gli ultimi dati delle centraline spiegano che l’aria all’interno della Ztl è fortemente migliorata, come vi spiegherà l’assessore Tricarico».

Il responsabile dell’Ambiente, infatti, insieme con i colleghi Sestero e Mangone era atteso di lì a poco alla commissione Controllo Gestione presieduta da Antonello Angeleri proprio per illustrare i benefici legati all’adozione del provvedimento. «Si tratta di cifre - ha però chiarito prudentemente Tricarico - ancora poco attendibili, che vanno interpretati come una sorta di exit-poll, e che sarà opportuno rivedere dopo la stagione invernale, il periodo più critico dell’anno».

L’assessore, rispondendo poi alle domande dei consiglieri Ferrante, Ventriglia, Lonero e Cugusi, ha sottolineato quale dato maggiormente significativo il mancato superamento del valore limite nel periodo 15 luglio - 30 settembre contro i 4 nello stesso periodo dell’anno scorso, rilevati nella stazione Arpa della Consolata, quella più affidabile per valutare l’incidenza della nuova Ztl allargata. Altri dati significativi, più strettamente legati alla presenza di pm10 nell’aria, segnalano una riduzione del 9% nel periodo compreso fra il primo gennaio e il 31 agosto (dal 43,4 del 2009 al 39,8 del 2010) su tutta la città è del 15% (dal 46 al 40), nello stesso periodo, nella sola stazione di rilevamento della Consolata.

«Le cifre non sono ancora significative ma sembrano preoccupanti per i pochi benefici procurati rispetto a quelli prefissati dalla giunta con l’allargamento della Ztl», ha dichiarato al termine della riunione il presidente della Commissione Angeleri. Che si è dichiarato disponibile ad ospitare un incontro con l’assessore regionale all’ambiente, «perché serve un ragionamento condiviso». Lonero della Destra ha invece duramente criticato i dati forniti da Tricarico: «Sono pure falsità, anche perchè il fato importante è che nel resto della città l’inquinamento è aumentato».

La Stampa

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget