Cerca nel blog

martedì 11 gennaio 2011

ROMA - Altre 54 nuove pietre d'inciampo sampietrini dorati per non dimenticare


Le nuove pietre d'inciampo
Le nuove pietre d'inciampo













Altre 54 nuove pietre d'inciampo
sampietrini dorati per non dimenticare

Il 12 e il 13 gennaio si ripete l'iniziativa "Stolpersteine": in cinque municipi nuovi luoghi della memoria

Le «Stolpersteine» di Günter Demnig (Ansa)
Le «Stolpersteine» di Günter Demnig (Ansa)



















Altre 54 nuove pietre d’inciampo, a Roma, dopo quelle collocate nel febbraio scorso. Il 12 e il 13 gennaio si ripete a Roma l’operazione “Stolpersteine”, la bella e geniale iniziativa promossa dallo scultore tedesco Gunter Demnig per ricordare con un piccolo sampietrino lucente chi non c’è più, nel posto in cui fu strappato dalla sua casa e portato via verso i luoghi di sterminio del nazifascismo.
22 MILA PIETRE - L’iniziativa di Demnig si arricchisce di altri luoghi della memoria, stavolta in cinque municipi. Curata da Adachiara Zevi questa nuova deposizione di pietre è prevista per il 12 e il 13 gennaio. Sarà presentata martedì mattina alla Casa della Memoria. Ad illustrarla Paola Corcos, Stefano Gambari, Bruno Tobia, Alessandro Portelli, la curatrice Zevi. “Ho messo pietre in Germania, Austria, Ucraina, Polonia, Repubblica Ceca, Belgio, Olanda, Danimarca, Italia...”, ricorda Denmig. In quindici anni Demnig ne ha installate oltre 22 mila, in 530 città dell’intera Europa. Ventiduemila Stolpersteine, sampietrini lucenti dieci centimetri per dieci con su scritto il nome del deportato, la data di nascita, il posto e la data della morte.
OLTRAGGI - Gunter Demnig, 62 anni, scultore e pittore di Colonia, ne ha fatto ormai una ragione di vita. Ma, lo dice col dispiacere negli occhi, qualche volta neonazisti e negazionisti hanno anche tentato di distruggerli. «Quante volte, Demnig?» «Hanno attaccato 400 sampietrini. In una quarantina di casi scavando e cercando di estrarli dal selciato. E’ successo in Germania e in Olanda. E anche qui a Roma, a Monteverde, di fronte alla casa dei Terracina. Però li abbiamo subito restaurati…». Promossa da Aned, Anei, Cdec, Federazione amicizia ebraico cristiana italiana, Incontri internazionali d’arte, Museo storico della liberazione, Ucei e Comunità ebraica romana l’iniziativa gode dell’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica. Cinque i municipi coinvolti: il I° (Centro Storico), il II (Flaminio, Parioli, Pinciano, Salario, Trieste), il III (Castro Pretorio, Nomentano, Tiburtino), l’XI (Appio, Ostiense, Ardeatino) e il XVII (Borgo, Prati, Balduina).
LE NUOVE DEPOSIZIONI - Ecco gli orari e i luoghi delle cerimonie di deposizione. MunicipioI12 gennaio 2011 ore 9,30 - Via Mameli 47 ore 10,30 - Via Natale del Grande 21 ore 11,00 - Via Natale del Grande 51 ore 11,30 - Via Garibaldi 38 ore 13,00 - Via Nazionale 87 ore 13,30 - Via Piemonte 127 ore 14,00 - Via Sicilia 154 13 gennaio 2011 ore 10,30 - Via Querceti 24 ore 11,30 - Via Miani 4 ore 12,00 - Via Dandini 20 ore 16,30 - Via Arenula 16 ore 16,50 - Via Arenula 29 ore 17,10 - Via Arenula 53 ore 17,30 -Via dei Giubbonari 30 ore 18,30 - Via dei Cerchi 63 ore 14,00 - Via Catalana 1 ore 14,30 - Via Catalana 5 ore 15,00 - Via del Tempio 4 ore 15,30 - Via della Reginella 19 ore 16,00 - Via Costaguti 29 ore 12,30 - Lungotevere Sanzio 2 Municipio XVII 13 gennaio 2011 ore 19,00 - Via Germanico 96 Municipio II 13 gennaio 2011 ore 15,00 - Via Po 162 ore 15,30 - Corso Trieste 85 ore 18,30 - Via Flaminia 215 Municipio III 13 gennaio 2011 ore 16,30 - Via Eleonora d’Arborea 12 ore 17,30 - Via Padova 94 Municipio XI 13 gennaio 2011 ore 9,30 - Via Bossi 8.
Paolo Brogi 

Da il Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget