Cerca nel blog

martedì 19 maggio 2009

MILANO - L'Accademia di Brera a pezzi


LETTERA AL PRESIDENTE MAZZOTTA: INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE
«Brera crolla». Denuncia degli studenti
Allarme: «L’intonaco cade a pezzi. Chiazze di muffa sui muri. Tubature rotte e lampadine che saltano»

Brera, l'intonaco cade a pezzi (Fotogramma) MILANO - Rovine di Brera. Il «degrado caratterizza da anni i corridoi», «evidente è lo stato precario dell’impianto elettrico», i pic cioni sono «ovunque» e la «sporcizia costella ogni ango lo», l’intonaco «cade a pezzi», i muri sono «chiazzati di muffa», le persiane «vecchie e pericolan ti», gli androni «spettrali e non consoni a un luogo d’arte» e le tubature, pure loro, «hanno ri schiato di allagare il bar inter­no». È la consulta degli studen ti a denunciare il crollo dell’Ac­cademia in una lettera al presi dente Gabriele Mazzotta e al consiglio. I toni sono preoccu pati: bisogna «intervenire im mediatamente comunicando al la Soprintendenza l’obbligo di risanare la situazione per moti vi di sicurezza».

Tra gli altri, questi: negli ultimi giorni sono esplose due lampadine nei cor ridoi e i vetri hanno «mancato per poco» gli studenti. Allarme sicurezza a Brera. C’è, alto, e Mazzotta ha chiesto un’ispezione di Asl e vigili del fuoco. C’è, ma scatena polemi che. Ieri, al consiglio accademi co convocato dal direttore Ga stone Mariani, era attesa una mozione di sfiducia del presi dente. Non s’è vista. Anzi: il consiglio ha disposto «un’ur gente manutenzione straordina ria», «confermato» la fiducia e aperto all’«ampliamento» del l’Accademia «in spazi esterni», leggi trasloco nella caserma di via Mascheroni. Una svolta «co struttiva », da nota ufficiale, e per qualcuno addirittura una «marcia indietro», rispetto al l’intransigenza («Non ce ne an diamo») mostrata da Mariani fin dal suo insediamento.

Via da Brera entro l’Expo. Do po lo scontro presidente-diret tore, riecco l’obiettivo concor dato da Comune e ministeri (29 novembre 2007). L’Accademia deve lasciare la sede storica, Pa lazzo Citterio e viale Marche per entrare in via Mascheroni e in San Carpoforo. Ma quanto co sta il trasloco? Troppo, per Ma riani: 5 milioni di euro. Mazzot ta rassicura: «Brera contribuirà alla spesa con 800 mila euro, da convenzione». E il resto? «Spet ta a ministeri e Demanio».

Armando Stella Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget