Cerca nel blog

giovedì 11 giugno 2009

MILANO - Casa, il mercato «tiene»


NON CALANO I PREZZI DEGLI IMMOBILI DI PREGIO E DELLE NUOVE COSTRUZIONI

Milano piace agli stranieri
Nel capoluogo lombardo si concentra il 70% degli investimenti immobiliari esteri in Italia

MILANO - Agli stranieri piace comprare casa a Milano. In un confronto internazionale il capoluogo lombardo, infatti, si posiziona dopo Monaco ma prima di Vienna e Zurigo; qui si concentra il 70% degli investimenti immobiliari di stranieri in Italia, soprattutto tedeschi. Il dato emerge da un convegno sugli investimenti immobiliari internazionali nella macro regione alpina, da Milano a Monaco, da Vienna a Zurigo, convegno nell'ambito del salone immobiliare Eire (Expo Italia Real Estate) in corso a Fieramilano, con la partecipazione di oltre 350 espositori e un'affluenza di pubblico stimata tra i 15.000 e 20.000 visitatori.

VERSO LA SVIZZERA - Nell'attuale periodo di crisi, mentre scendono i prezzi delle case in Europa, l'Italia e la Svizzera «tengono» in attesa della ripresa, proprio per la convenienza dei prezzi, inferiori rispetto al passato. «Un contesto sempre più globale e una velocità crescente dei collegamenti - ha dichiarato Antonio Pastore, presidente di Borsa Immobiliare, azienda speciale della Camera di commercio di Milano - sono alla base di una nuova concezione del mercato immobiliare che assume una dimensione sempre più "regionale". Ecco perché nuovo riferimento per Milano e i milanesi sono le aree vicine e alpine. Diventa interessante una verifica costante nella crescita di questi mercati per investimenti anche internazionali».

CALO DELLE COMPRAVENDITE - Per quanto riguarda le compravendite, nel 2008 il valore del mercato immobiliare lombardo è calato del 16% rispetto all'anno precedente, fermandosi a quota 31,4 miliardi. Più accentuato il calo nel comparto residenziale (-17,1%) rispetto a quello commerciale (-11,6%). Le variazioni emergono da uno studio commissionato da Ance Lombardia, l'associazione dei costruttori, al centro di ricerche Cresme. A Milano le compravendite sono calate del 13,1%, in linea con il resto del territorio provinciale. Tra gli altri capoluoghi Lodi segna la flessione più pesante (-39,1%), seguita da Como (-24,4%) e Mantova (-21,6%). Resistono alla crisi solo Lecco (+8,2%) e Pavia (+18,4%). Nei capoluoghi si è registrato anche un calo dei prezzi, che riguarda soprattutto il mercato degli immobili usati e di fascia medio bassa, mentre tiene il valore degli immobili di pregio e delle nuove costruzioni. Dallo studio, il mercato potrebbe avere una domanda annua di quasi 42 mila abitazioni, un trend cui gli operatori guardano con interesse.

Dal Corriere della Sera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget