Cerca nel blog

mercoledì 1 luglio 2009

FOGGIA - San Giovanni Rotondo: pronta la cripta di Padre Pio







METALLO PREZIOSO REGALATO DAI FEDELI SONDAGGIO: TROPPO SFARZOSA?
San Giovanni Rotondo: pronta la cripta di Padre Pio, ma scoppia la polemica

Ecco l'ambiente in cui i frati vogliono riporre le ossa
del santo. I blog cattolici: tradito lo spirito francescano



FOGGIA - Ecco la cripta della nuova chiesa di San Pio da Pietrelcina, a San Giovanni Rotondo. Ecco lo stanzone realizzato interamente in oro massiccio dove i monaci vogliono riporre le ossa del frate dei miracoli.

Una cripta inaugurata dal Papa durante la recente visita e che conta sui meravigliosi affreschi realizzati da padre Marko Rupnik, uno dei più grandi esperti di arte sacra. L'opera è praticamente pronta e presto la salma di padre Pio dovrebbe venire trasferita. I fedeli potranno così sfilare davanti al sarcofago e toccarlo; davanti verrà allestito l'altare, l'ambone e un leggio.

Un'opera mastodontica, realizzata con l'oro regalato dai fedeli di tutto il mondo in 20 anni di pellegrinaggi, e che però non manca di suscitare polemiche. Su alcuni siti cattolici, tra cui www.cattoliciromani.com, sono diversi i fedeli che lamentano il «tradimento» dei valori che impersonava il santo. «Tutto questo lo trovo lontano anni luce dalla spiritualità francescana e dal modo di vivere ed essere di Padre Pio», scrive un utente. E ancora: «Credo che questa luce sia un bell'esempio di arte e passerà alla storia ma sicuramente San Francesco e San Pio non avrebbero mai voluto, anche perché la loro vita è stata ben lontana (anni luce) da questi mosaici».

Polemiche a parte, restano i numeri della struttura. Sulla rampa che conduce alla cripta ci sono 36 nicchie che rappresentano alla sinistra la vita di san Francesco e a destra quella di San Pio da Pietrelcina. Al termine del percorso della rampa, il pellegrino arriva alla soglia della chiesa inferiore accolto dalle immagini che testimoniano la vita di Cristo. Sono 16, scelte come fondamento della vita di Francesco e di Pio. I mosaici ricoprono una superficie complessiva (tra rampa e chiesa inferiore) di circa 2mila metri quadrati. Complessivamente sono state realizzate 54 scene e utilizzate milioni di tessere.

Ugo Ferrero

Da Il Corriere del Mezzogiorno

2 commenti:

Indignato ha detto...

Ammazzate che bello spreco. Ma con tutto quell'oro non si sarebbe potuto sfamare qualche migliaio di persone? La Chiesa... no comment.

Steid ha detto...

Se invece avessero fatto un bello stanzone bianco e vuoto si sarebbe detto "con tutti i soldi che hanno, guarda come trattano i loro santi". Se qualcuno ha donato dei soldi per un determinato scopo mi pare anche giusto che questi vengano impiegati per quello. A me piace: è un modo per sottolineare l'importanza e la solennità del luogo.

Si è verificato un errore nel gadget