Cerca nel blog

martedì 28 luglio 2009

MILANO - Linea verde fino ad Assago, c'è l'accordo


A FIRMA, AL PIRELLONE, TRA I RAPPRESENTANTI DI REGIONE, PROVINCIA E DEI DUE COMUNI
Servono 18,5 milioni di euro per i costi aggiuntivi, il Ministero ne darà 3,1. Previste due nuove fermate


Da settembre 2010 si potrà raggiungere Assago in metropolitana. La garanzia sui tempi è arrivata con la firma, al Pirellone, di un accordo tra Regione, Provincia e Comune di Milano e Comune di Assago in merito alla copertura dei costi per la conclusione dei lavori di prolungamento della linea M2 della metropolitana, da Milano Famagosta a Assago Milanofiori. L'intesa sancisce che dei 18,5 milioni di euro necessari per pagare i costi aggiuntivi di realizzazione dell'opera, 4 saranno finanziati dalla Regione, 4,2 rispettivamente da Provincia e Comune di Milano e 3 milioni dal Comune di Assago. Il Ministero dei Trasporti contribuirà alla copertura degli extracosti con 3,1 milioni di euro.


DUE FERMATE - Sulla tratta, che avrà un'estensione di 4,8 chilometri e sarà per la maggior parte in trincea (quindi fuori da terra), sono previste due fermate, quella di Assago Milanofiori Nord e Assago Milanofiori Forum. Con il nuovo stanziamento di 18,5 milioni di euro, il costo complessivo del collegamento metropolitano sale a 88 milioni di euro. «È un'opera fondamentale - ha detto il presidente della Regione Roberto Formigoni - perché prosegue l'allargamento della rete metropolitana al di là della cinta della città. Questo significa che non solo l'area della metropoli, ma tutta quella circostante sarà servita dalla metropolitana». Per il sindaco di Milano, Letizia Moratti, il collegamento tra Milano e Assago «è un tassello importante perché va a coprire un'area con forte terziarizzazione e intercetta il traffico della tangenziale Ovest». La Moratti ha anche ricordato che con l'accordo «proseguiamo il collegamento tra Milano e i Comuni di cintura, con l'allungamento a Monza della M1, questo fino ad Assago e il prossimo sarà l'allungamento fino a Paullo. È la risposta concreta ai bisogni della Grande Milano».

LE LINEE 4 E 5 - Sottolineando l'importanza del collegamento, il presidente della Provincia, Guido Podestà, ha spinto anche sulle altre linee: «Era un dovere trovare i soldi per la conclusione di quest'opera. Il prossimo obiettivo prioritario deve essere il collegamento con Paullo, insieme ovviamente alle linee M4 e M5». L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, ha ricordato che oltre ai 4 milioni per il completamento della tratta, la Regione ha «contribuito con sue risorse per l'acquisto del materiale rotabile che correrà su questa nuova linea». Il suo collega del Comune di Milano, Edoardo Croci, ha spiegato che Palazzo Marino è già al lavoro «per garantire la revisione del trasporto di superficie nel momento in cui le fermate saranno operative».

Dal Corsera

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget